I terapeuti

AVER CURA DELL’ESSERE – Filone e i Terapeuti di Alessandria (J.Y. Leloup)   La Bhagavad-gita (Canto del Beato), testo sacro dell’Induismo risalente al 500 a.c. recita: “Esiste tuttavia un altro Mondo che è eterno ed è al di là della materia manifestata e non manifestata.  E’ supremo e non è mai annientato. Quando tutto in…

Continua a leggere →

Zarathustra e la rivoluzione animale

Questo grande profeta visse storicamente settecento anni prima di Cristo, in un’epoca in cui impulsi spirituali straordinari spargevano i semi  per la evoluzione della coscienza umana attraverso la comparsa di personaggi eccezionali quali Zarathustra stesso nell’Impero Persiano, Budda in India e Lao Tse in Cina. La predicazione di Zarathustra fu proprio di rottura rispetto all’esistente…

Continua a leggere →

Dedicato a Ortensia

Correva l’anno 1989, come si dice nelle fiabe e, in quell’anno, il destino, o una fata buona ci fece due regali, tanto più inaspettati quanto più destinati a divenire  dei gioielli di grande valore della nostra vita negli anni successivi. Nel pomeriggio di giovedì 25 luglio Fulvio aveva trovato sulla porta della fabbrica in cui…

Continua a leggere →

El du de Giugn

Mi sun nasuda sota el re, subit dopo un quei an sun diventada republicana, ma seri tropa picinina per capì la diferensa. El mè papa e la mia mama se scaldaven no trop per che la ricurensa lì; l’era una festa pagada e la vareva dumà per quel, ogni giurnada pasada fora de la fabrica,…

Continua a leggere →

El prim de Macc

L’è la festa dei lavuradur, quei vera, no de quei che fan finta de pasà i cart o de studià cume fa a fregà i alter. Vori dì dei lauradur che in custret a laurà per mangià, che gan nisuna sudisfasion de quel che fan, che per lur l’è propri un sacrifisi ch’el dura tuta…

Continua a leggere →

La speransa

Inco l’è Pasqua, se festegia el Signur che l’è risurgiù a la dumenica el venerdì l’era mort in crus dopo che l’aveva tant tribulà e patì de tut i culur. Credec o no, l’è semper la speransa che la vita la vinc in su la mort E nunc, vif, ghem bisogn de credec. Quand seri…

Continua a leggere →

Giusep e Giusepina

San Giusep l’è cunusu de pusè de dumila an Perché l’era el papà del Gesù “putativo” l’ha dì la gesa Nò del so sang. Vera sì, vera nò, l’era un brav’om, lauradur, ch’el ghe stava propri adré alla sua famiglia El Signur el s’è fidà de lu, l’aveva catà fora in mes a tanti Per…

Continua a leggere →

La mimusa l’è no dumà gialda

Incò che l’è la festa dela dona, vori dedicam una puesia, vori festegiam, ansi unuram del mè ves dona. Parli no de quei che cunusi no, parli de quei che go conusù poc o tant i mè non, la mia mama, i mè sii, tuta pora gent che l’ha dumà fa un gran laurà in…

Continua a leggere →

I me’ radis

L’è la prima volta che scrivi in dialet E me par de ves adré ammò a parla con la mia mama che l’è morta de tanti an. Me interesa poc del me paes, in due che sun nasuda. Vif chi, vif de un’altra part per mi l’è istes, denter in di palasuni sem  tuc cume…

Continua a leggere →

Page 6 of 6