Esperienza dell’Apocalisse di Giovanni

Mio padre è morto ai primi di dicembre del 1958; io avevo compiuto, in agosto, sedici anni e gli ultimi tre  erano stati un vero inferno nella nostra famiglia. Lui, dopo aver perso il suo lavoro da operaio specializzato che gli aveva dato una identità  professionale e sociale di capo famiglia, già devitalizzato da cinque…

Continua a leggere →

Esperienza del Vangelo di Giovanni

Nel 1949 avevo 7 anni, frequentavo la seconda elementare e mi fu “impartita” la Prima Comunione.  Una volta, ai miei tempi, la scadenza era tassativa, come quella della Cresima a pochi mesi di distanza, così che i bambini, senza che capissero nulla e non fossero in grado, non dico di fare qualche minima resistenza, ma neanche…

Continua a leggere →

Bella Ciao e Bella Addio

La ballata nazional-popolare divenuta, a torto o a ragione  compendio simbolico musicale della Resistenza partigiana, ha rappresentato per me, ad un certo momento della mia storia personale, il punto di rottura rispetto a tutto il conformismo di pensiero e di manipolazione politica che della Resistenza stessa era stata fatta dalle classi dominanti  per attribuirsene il…

Continua a leggere →

Amore e potere

Vent’anni fa, alla morte di mia madre, riordinando armadi e cassettiere, avevo trovato in fondo ad un baule un bustone di carta con vecchie fotografie e documenti vari che avevano riguardato  i miei genitori e la  famiglia in generale,  fra i quali una specie di “certificato di battesimo”, emesso da una congregazione missionaria che dichiarava…

Continua a leggere →

La Germania che ho conosciuto

Germania dell’Est… ricordarla oggi è veramente un tuffo  nel passato  che, seppure recente, della storia europea, sembra scomparso della memoria storica collettiva e  personale.  Ora la Germania riunificata dalla caduta del Muro di Berlino del  1989, è divenuta la potenza europea per antonomasia.  Con l’istituzione dell’euro come  moneta unica , sotto la guida della sua…

Continua a leggere →

Ripensando a Varsavia

In Polonia sono andata due volte, ma solo a Varsavia, negli anni ’72-’73, in visita lampo di un giorno o due e  con lo stesso tour operator CGIL; avevo visto pochissimo, solo il centro  cioè la “città vecchia” che mi era piaciuta molto e mi aveva sorpreso sapere che era stata completamente ricostruita, tale e…

Continua a leggere →

Ungheria ieri e oggi

Il primo viaggio che ho  fatto nei Paesi dell’est Europa  è stato nell’agosto del  1971 in Ungheria, al lago Balaton, con l’ETLI settore giovani che era allora  l’ agenzia turistica della CGIL.  Si era arrivati in pullman; milanese ero soltanto io;  tutti gli altri erano giovani toscani della provincia di Firenze, campionario classico delle Case del popolo.  Il luogo mi aveva deluso…

Continua a leggere →

8 Marzo è ancora la festa della donna?

Ho frugato nell’archivio della mia memoria per trovare qualche ricordo particolare della festa della donna. Mio padre è morto quando avevo 16 anni e, fino a 35 anni, ho vissuto con mia madre; eravamo due donne in competizione permanente per affermare ognuna la propria forte personalità: Edvige era una dominatrice vera e propria, io no…

Continua a leggere →

L’abbandono alla provvidenza divina

A prima vista può sorprendere che questo blog, che ha avuto la sua più vasta diffusione e il maggior apprezzamento per aver portato a conoscenza dei cultori dell’argomento la figura e l’opera di Salvador Freixedo e del suo “Difendiamoci dagli dei” per la prima volta in Italia, proponga oggi l’elaborazione personale di un testo come…

Continua a leggere →

El 25 de April

Quand seri giuina, seri ‘na sfegatada, per an e an ho mai perdu un corteo; manca a fal aposta, piueva semper ma mi seri fra quei scalmanà che cantaven e vusaven pusè fort che se tiravan no fora, la ciapaven tuta, convint che chel dì lì eren lur i liberadur.   Ades, a guardà indrè,…

Continua a leggere →

Page 1 of 4