El prim de Macc

L’è la festa dei lavuradur,

quei vera, no de quei che fan finta de pasà i cart

o de studià cume fa a fregà i alter.

Vori dì dei lauradur

che in custret a laurà per mangià,

che gan nisuna sudisfasion de quel che fan,

che per lur l’è propri un sacrifisi ch’el dura tuta la vita.

El sacrifisi de la crus,

chel dura an e an e an

el sacrifisi del sang e del sudur

che el manda avanti el mund  cun tuta la sua gent bona e grama

Chin quei che creen cun i so man la richesa, l’abundansa no per lur stes,

ma per quei furbi che han mai laurà un dì, han dumà ciciarà e trà fum in di oc,

sin fa grand e gros cun el sang di pueret de danè e  de spirit.

Una volta, in di nos part, te insegnaven chel laurà l’era sacher,

el laurà de fadiga chel te misurava, el te madurava,

el te faseva sentì ver fradel e surela de quei cume ti

e te gavevet un gran rispet de la fadiga di alter

perché l’era la  sustansa de l’omen.

De sacher ades ghè pu nient,

el laurà men che meno.

Ades, el prim macc, chi in de nunc, l’è la festa

de quei che ia inventun tuc  per vif cume ghe pias sui spal dei poer crist;

tant el mund l’è semper pusè pien de gent custret a dislenguà la sua vita

in sang, sudur e fadiga per tegnì su la piramide del puter.


 

Versione in lingua italiana

Il primo Maggio

E’ la festa dei lavoratori,

quelli veri, non di quelli che fanno finta di passare le carte

o studiare come fare per fregare gli altri.

Voglio dire dei lavoratori

Che sono costretti a lavorare per mangiare,

che non hanno nessuna soddisfazione da quello che fanno

che, per loro è proprio un sacrificio che dura tutta la vita.

Il sacrificio della croce

Che dura anni, anni e anni,

il sacrificio del sangue e del sudore

che manda avanti il mondo con tutta la sua gente buona e cattiva

Quelli che creano la ricchezza e l’abbondanza con le loro mani non per sé stessi,

ma per quei furbi che non hanno mai lavorato un giorno,

hanno fatto solo chiacchiere, buttato fumo negli occhi e si sono fatti grandi e grossi come vampiri

con il sangue dei poveri di denaro e di spirito.

Una volta, dalle nostre parti, ci insegnavano

che il lavoro era sacro,

il lavoro di fatica che ti misurava, ti maturava;

ti faceva sentire vero fratello e vera sorella di quelli come te

e si aveva un gran rispetto della fatica degli altri

perché era la  sostanza dell’uomo.

Di sacro adesso non c’è più niente,

il lavoro meno che meno.

Adesso il primo maggio, qui da noi, è la festa

di coloro che inventano tutte per vivere come loro più piace, sulle spalle dei poveri cristi

tanto il mondo è sempre più pieno di gente costretta a sciogliere la propria vita

in fatica, sudore e sangue per tenere in piedi la piramide del potere.

Lascia un commento da Facebook

1 Comment

  • Paolo

    Reply Reply 17 maggio 2012

    Per curiosità, di dov’è esattamente questo dialetto?

Leave A Response

* Denotes Required Field