Get Adobe Flash player
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

GIUSEP E GIUSEPINA

 

San Giusep l’è cunusu de pusè de dumila an

Perché l’era el papà del Gesù “putativo” l’ha dì la gesa

Nò del so sang.

Vera sì, vera nò, l’era un brav’om, lauradur,

ch’el ghe stava propri adré alla sua famiglia

El Signur el s’è fidà de lu, l’aveva catà fora in mes a tanti

Per curà la mama benedeta e el so fio sant.


Anca el pà dela mia mama el se ciamava Giusep,

un brav’om, grand lauradur ch’el gaveva in sui spal

tanti fiò de tirà grand in dela puertà di chi temp là.

L’era l’unic de la sua età che, in la curt,

l’era bun le leg e de scrif e tuc i alter

ghe purtaven el rispet. Una volta l’era stà anca consiglier al Comun.

Al’invernu, a la sera,  in de la stala, se scaldaven con i besti,

i don faseven el scalfin e el gipunin, i tusan ricamaven la sua dota

e lu el legeva a vus alta tut quel che truaven in gir sensa spent

i danè eran asè no gnanca per mangià

L’era sucialista el Giusep cume el Gesù ai so temp, secunt a lù,

ch’el ghe dava speransa e consulasion ai so paisan pueret e maltratà

I so fiò, masc e femin, gan dà del vu fin a la fin,

per lur l’era el signur in tera.


Quand l’è mort, la mia mama l’era  in cumpra de mi

E inscì m’han batesà Giuseppina, un nom ch’el mè mai piasù

In cà me ciamaven   Pinuccia, che l’era no tant mei.

L’è dumà de pochi an che ho acetà el me nom,

che me sun acetada mi cume sun

e alura el penser l’è andà al me nono Giusep

ch’el ma lasà in eredità no dumà el nom,

ma anca la voia de savè, de ves present e vutà in su la Tera

cul cor, el ragiunà e la scièna drisa.

 

 

 

VERSIONE IN LINGUA ITALIANA

 

GIUSEPPE E GIUSEPPINA

 

San Giuseppe è conosciuto da oltre duemila anni

Perché era il padre di Gesù “putativo” ha detto la Chiesa,

non del suo sangue.

Vero sì, vero no, era un brav’uomo, un lavoratore

Che aveva grande cura della sua famiglia

Il Signore si era fidato di lui; l’aveva scelto in mezzo a tanti

Per prendersi cura della mamma benedetta e del suo santo Figlio.


Anche il papà della mia mamma si chiamava Giuseppe,

un bravo uomo, grande lavoratore, che aveva sulle spalle

tanti figli da crescere nella povertà dei suoi tempi.

Era l’unico della sua età che, nella corte,

sapeva leggere e scrivere e tutti gli portavano rispetto:

Una volta era stato anche consigliere al Comune.

Nelle sere d’inverno, nella stalla, ci si scaldava con gli animali;

le donne lavoravano a maglia calzettoni e maglie di lana,

le ragazze ricamavano la loro dote

e lui leggeva a voce alta tutto quello che si trovava in giro senza spendere,

i soldi non bastavano neanche per mangiare.

Era socialista Giuseppe, come Gesù ai suoi tempi, secondo lui,

perchè dava speranza e consolazione ai suoi paesani poveri e maltrattati

I suoi figli, maschi e femmine, gli hanno dato del voi fino alla fine,

per loro era il Signore in Terra.


Quando è morto, mia mamma era incinta di me

E così mi hanno battezzato Giuseppina, un nome che non mi è mai piaciuto

In casa mi chiamavano Pinuccia, che non è tanto meglio.

E’ solo da pochi anni che ho accettato il mio nome,

che mi sono accettata così come sono

e allora il pensiero è andato a mio nonno Giuseppe

che mi ha lasciato in eredità non solo il nome,

ma anche la voglia di sapere, di essere presente e d’aiuto sulla Terra

con il cuore, la ragione e la schiena dritta.

Creative Commons License

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna