Get Adobe Flash player
Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

LA MIMUSA L'E' NO DUMA' GIALDA

 

Incò che l’è la festa dela dona,

vori dedicam una puesia, vori festegiam, ansi unuram

del mè ves dona.

Parli no de quei che cunusi no,

parli de quei che go conusù poc o tant

i mè non, la mia mama, i mè sii, tuta pora gent

che l’ha dumà fa un gran laurà in dela vita.

Alter che careta han tirà,

pusè dei vach che rivultaven la tera.


La nona Richeta, mam dela mia mama

L’ha tirà su un rosc de bagai che mangiaven dumà pulenta e lat e minestra de vers,

ma mangiaven perché el pà l’era fitaul.

La nona Rosa, mama del mè pà,

l’era insci puereta che tanti volt la gaveva no gnanca el fiamifer per acent el foc

e alura l’andava in gesa a pregà la madona perché un quel cristian ghe das almen un toc de pan ai so fio

El miracul tanti e tanti volt l’è vegnù: i bagai,  cun fadiga, in diventà tuc grand.

El nono l’era uperari e minga semper el laurava, l’era malà

Tut e du in mort giuin de stent e privasion.


La mia mama l’è andada a laurà in filanda a dudes an e al stabiliment a quatordes

I sii masc a fà el magut a des an per un piat de minestra al mesdì

Ades me fan rit tuc quei che se scandalisen per el

“sfruttamento del lavoro minorile” in di paes de pueret

cume se la furtuna, el sta ben noster del dì dincò, che sem civilisà,

sien piuvù giò del ciel, gratis

Fan finta de savè no che generasiun  e generasiun de pueret fiò, tusan e tusanet

Cul so sang n’an fa diventà sciuri tanti

Che ghe mangen a sura ammò ades.


Anca el mè destin  el dueva ves quel.

Tirà la careta sensa gnanca capì el perché e el percome,

ma un queicos l’è andà fora de squadra:

ho cumincià anca mi a laurà a quadordes an,

con gran fadiga e vuluntà de fer ho fa tuti i scol seral fin a laureas

inscì ho capì la diferensa

fra ves don pueret e don cun i danè, el studi, la putensa dela sua familia ai spal

Sem semper don, ma l’è tut un alter vif, l’è vedè el mund cun la mimusa gialda


E mi me senti surela no de tuc dumà perché in don;

me senti surela de quei che in ammò adrè a tirà la careta,

a sputà el sang in tut el mund per segutà a fa sciuri quei che fan finta de savè no,

che se neten la buca con bei parol voi sensa sustansa e, intant

suguten a mangiac a sura.

 

 

 

VERSIONE IN LINGUA ITALIANA

 

LA MIMOSA NON E' SOLO GIALLA

 

Oggi che è la festa della donna,

voglio dedicarmi una poesia, voglio festeggiarmi, anzi onorarmi

del mio essere donna.

Non parlo di quelle che non conosco,

parlo di quelle che ho conosciuto tanto o poco,

le mie nonne, la mia mamma, le mie zie, tutta povera gente

che ha fatto solo un gran lavorare nella sua vita

Altro che carretta hanno tirato

Più dei buoi che rivoltavano la terra.


La nonna Enrichetta, mamma della mia mamma,

ha allevato un nugolo di bambini che mangiavano solo polenta e latte e minestra di verze,

ma mangiavano perché il loro padre era mezzadro

La nonna Rosa, mamma del mio papà,

era così povera che tante volte non aveva neanche il fiammifero per accendere il fuoco

e allora andava in chiesa a pregare la Madonna perché qualche cristiano desse almeno un pezzo di pane ai suoi figli

Il miracolo tante e tante volte è avvenuto: i bambini, con fatica, sono diventati tutti grandi

Il nonno era operaio e non sempre lavorava, era malato.

Tutte due sono morti giovani di stenti e privazioni.


Mia mamma è andata a lavorare in filanda a 12 anni e in fabbrica a 14

Gli zii maschi a fare il manovale muratore a 10 anni per un piatto di minestra a mezzogiorno

Adesso mi fanno ridere tutti quelli che si scandalizzano per lo

“sfruttamento del lavoro minorile” nei Paesi poveri,

come se la fortuna, il benessere nostro del giorno d’oggi, il progresso

siano caduti giù dal cielo, gratis

Fingono di non sapere che generazioni e generazioni di ragazzi poveri, ragazze e bambine

Col loro sangue ne hanno fatti diventare ricchi tanti

Che ci mangiano sopra ancora adesso.


Anche il mio destino doveva essere quello,

tirare la carretta senza neanche sapere il perché e il percome,

ma qualcosa è andato fuori squadra:

ho cominciato anch’io a lavorare a 14 anni,

con grande fatica e volontà di ferro ho fatto tutte le scuole serali fino a laurearmi

così ho capito la differenza

fra essere donne povere e donne con i soldi, gli studi, e la potenza della famiglia alle spalle

siamo sempre donne, ma è tutto un altro vivere, è vedere il mondo con la mimosa gialla


E mi sento sorella non di tutte solo perché sono donne,

mi sento sorella di quelle che stanno ancora tirando la carretta

e a sputare il sangue in tutto il mondo per continuare ad arricchire quelli che fanno finta di non sapere

che si puliscono la bocca con delle belle parole vuote, senza sostanza e intanto

continuano a mangiarci sopra

Creative Commons License

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna