Get Adobe Flash player
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

LA SPERANSA

 

Inco l’è Pasqua,

se festegia el Signur che l’è risurgiù a la dumenica

el venerdì l’era mort in crus

dopo che l’aveva tant tribulà e patì de tut i culur.

Credec o no, l’è semper la speransa che la vita la vinc in su la mort

E nunc, vif, ghem bisogn de credec.


Quand seri picinina,

la Pasqua l’era propri una gran festa;

se mangiava ogni ben de Diu e tantu, no misurà cume tuti i alter dì.

Se sentiva propri la resuresiun de la Vita.

I campan, ligà al venerdì, turnaven a sunà

Anca la radio che per du dì l’aveva trasmetu una musica de murtori che l’era mei tegnila smursada


A mi, la mia mama la me comprava semper un queiscos de nof de met su

Un para de scarp, rus o bianc, anca un quei vestidin fa de la sarta

E po Sant’Angiul l’era el grand dì dela scampagnada. Con i bursi pien de mangià pusè bun

se andava in Briansa in un quei pra o a la Madona del busc

Che gioia per nunc tusanet, la mia cusineta e mi,

la cucagna la capitava dumà do, tre volt a l’an.


Ades se sa pu se mangià, se sa pu in due andà;

la festa l’è tut l’an, ma sem pu tant cuntent; in del noster cor ghè no la pas.

La culumba te la insubisen due mes prima che quand l’è Pasqua la te andada fora di oc.

Ma mi vori no pert la speransa: el Signur l’è mort e l’è risuscità;

la Tera, che l’è la mama de tuc, disen quei che san che l’è morta e rinasuda nova tanti volt

anca per nunc che sarà un queicos del bel

vori no pensà che el Padre el gà creà dumà per tribulà e murì

 

 

 

VERSIONE IN LINGUA ITALIANA

 

LA SPERANZA

 

Oggi è Pasqua,

si festeggia il Signore che risorge di domenica

Venerdì era morto in croce,

dopo avere molto patito tribolazioni di ogni genere

Credere o no, è sempre la speranza che la vita vinca sulla morte

E noi, vivi, abbiamo bisogno di crederci.


Quando ero bambina

Pasqua era proprio una gran festa.

Si mangiava ogni ben di Dio e tanto, non misurato come tutti gli altri giorni.

Si sentiva proprio la resurrezione della Vita;

le campane, legate al venerdì, riprendevano a suonare; anche la radio

che per due giorni aveva trasmesso solo musica da morto e che era meglio tenerla spenta.


A me la mia mamma comperava sempre qualcosa di nuovo da mettere,

un paio di scarpe, rosse o bianche, e anche qualche vestitino fatto dalla sarta

E poi, Sant’Angelo, era il gran giorno della scampagnata. Con le borse piene di cibo più appetitoso si prendeva il treno e si andava in Brianza in qualche prato o alla Madonna del Bosco

Che gioia per noi bambine, la mia cuginetta e me.

La cuccagna capitava soltanto due o tre volte l’anno.    


Adesso non si sa più cosa mangiare, non si sa più dove andare;

è festa tutto l’anno, ma non siamo più tanto contenti; nel nostro cuore non c’è la pace.
Adesso la colomba te la offrono già due mesi prima, che quando è Pasqua ti è andata fuori dagli occhi.

Ma io non voglio perdere la speranza: il Signore è morto ed è risorto;

la Terra, che è la mamma di tutti, dicono quelli che sanno che è morta ed è rinata tante volte

Anche per noi ci sarà in serbo qualcosa di bello:

non voglio pensare che il Padre ci abbia creato solo per tribolare e morire.

Creative Commons License

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna